Lavorare a Varsavia

Varsavia è la capitale e più grande città della Polonia con 1,7 millioni di abitanti. 
La città è situata nel mezzo della Polonia ed è servita da due aeroporti internazionali: l’Aeroporto Chopin e l’Aeroporto Modlin. 

Varsavia non è molto diversa dalle altre capitali europee sotto il profilo dei servizi e delle infrastrutture. Associa modernità e tradizione, con un centro storico parzialmente ricostruito a seguito delle distruzioni della II Guerra Mondiale. La comunità di expat è ben nutrita e sempre in espansione: è la destinazione ideale per chi ama le grandi città, ricche di eventi culturali e locali sempre aperti.
 
La moneta della Polonia è lo zloty polacco (PLN), ma questa pagina mostra gli equivalenti prezzi in EUR

Lavorare a Varsavia: opportunità lavorative

L’economia polacca è cresciuta significativamente negli ultimi anni e molte aziende hanno deciso di stabilirsi a Varsavia. 
La città ospita molti Shared Service Center, come quelli di Abbvie, Astra Zeneca, Dentons Business Services EMEA, Jones Lang Lasalle Group Services, Pandora Jewelry Shared Services, RBS Global Hub Europe, Schneider Electric, TMF Group, Stanley Black & Decker, Toyota Motor Europe e Velux Global Business Services.

La capitale polacca è anche casa di molte banche ed assicurazioni, tra cui CBRE, Citi Service Center, Credit Suisse, Marsh, Marsh & McLennan,
Anche Accenture e Money Gram International hanno uffici nella città. 

Esperienza richiesta

Per chi vuole lavorare a Varsavia, ci sono molte opportunità sia per i neolaureati  che per i professionisti con esperienza. 
I neolaureati senza precedente esperienza lavorativa possono candidarsi per le posizioni entry level disponibili negli Shared Service Center.
Come sempre i candidati devono saper parlare inglese; una seconda lingua come l’italiano può rappresentare un grande aiuto. 
Le posizioni negli Shared Services Center normalmente non richiedono la conoscenza della lingua polacca, a differenza delle posizioni nelle banche, dove la conoscenza della lingua locale è spesso un requisito. 
Le posizioni senior, invece, richiedono di solito 2/3 anni di esperienza. 

E’ importante sottolineare che la maggioranza delle posizioni entry level non richiedono una laurea in Economia. 
Molte aziende multinazionali forniscono una formazione completa ai neoassunti negli Shared Services Center, quindi suggeriamo ai neolaureati in materie umanistiche (come Scienze Politiche, Giurisprudenza, Sociologia) di considerare Varsavia come una possibile destinazione. 
D’altra parte la conoscenza della lingua inglese è un requisito fondamentale, e nonostante il livello richiesto non sia alto come nel Regno Unito o in Irlanda, i candidati devono essere in grado di parlare inglese. 

Stipendi

I salari a Varsavia sono i più alti del paese e in media vanno da EUR 950 – EUR 1000 mensili per le posizioni entry level a EUR 1.300 per lavori più complessi.
E’ bene sapere che le aziende promuovono e incentivano i percorsi di crescita interni, dunque è possibile migliorare la propria posizione salariale quasi ogni anno. Chi sceglie di lavorare a Varsavia dunque sceglie anche di investire su se stesso.

Casa e trasporto pubblico

Il costo della vita a Varsavia è il più alto della Polonia. 
Il prezzo medio di un monolocale di 50 mq in affitto nei pressi del centro è di EUR 700 al mese.
L’affitto invece per una casa con 3 stanze dal letto in zona centrale è di circa EUR 1.000 mensili, quindi affittare una stanza in una casa condivisa può risultare più economico. 
Affittare una casa fuori dal centro città è ovviamente meno costoso: il costo di un monolocale è di circa EUR 430 mensili, mentre un appartamento con 3 stanze da letto costa circa EUR 735 mensili. 

Consigliamo di visitare i seguenti siti internet qualora fosse alla ricerca di casa:

Il trasporto pubblico è gestito dall’operatore ZTM Warszawa ed include la Metro di Varsavia, 288 linee di bus, 43 linee notturne, e 27 linee di tram. Per maggiori informazioni, come gli orari, il costo dei biglietti ed il pianificatore di percorso, potete visitare il sito internet dell’operatore. 

Burocrazia

La burocrazia in Polonia è purtroppo simile a quella ungherese o slovacca, ma ultimamente sono stati fatti passi da gigante. Ad ogni modo, è bene farsi aiutare da una persona che parla polacco, nello sbrigare le pratiche. I seguenti link sono molto utili per reperire le informazioni necessarie ad un trasferimento in Polonia:

Come in moltri altri stati, per lavorare in Polonia bisogna ottenere un permesso di residenza. Per scaricare il modulo di richiesta e conoscere nel dettaglio i documenti da presentare all’ufficio di competenza, visita il seguente link:

Sono inoltre necessarie 4 fototessere e un documento d’identità in corso di validità.

Sistema Sanitario

Il sistema sanitario polacco è pubblico, per cui non è necessario stipulare alcuna assicurazione privata. Il lavoratore straniero deve fare richiesta di iscrizione al Fondo Nazionale Sanitario – Narodowy Fundusz Zdrowia tramite il proprio datore di lavoro. Sarà il datore di lavoro stesso a pagare la quota mensile per accedere al sistema sanitario.
E’ possibile scegliere il proprio dottore, e i costi di eventuali analisi o esami sono quasi sempre coperti interamente.

Conclusioni

Pro

  1. I salari sono più alti che nel resto della Polonia
  2. Città di respiro internazionale con larga presenza di cittadini stranieri 
  3. Varsavia ospita numerosi eventi culturali 

Contro

  1. Il costo della vita è relativamente alto 
  2. La qualità degli alloggi può risultare bassa se comparata al prezzo degli affitti 
  3. La burocrazia può risultare ostica se non si parla polacco 

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca